Lasciare spazio come aiuto alla vita

Ogni bambino quando nasce, vive un percorso biologico e naturale esattamente identico in tutto il mondo. A circa sei mesi riesce a stare seduto, a dodici mesi prova a camminare, cresce e si sviluppa in modo naturale con tappe ben precise; ma cosa accade di diverso in ognuno di loro durante questo tempo? Perché una persona diventa adulta in modo diverso da un’altra? Possiamo spiegare questo fenomeno per due motivi: il primo è di carattere biologico il secondo è stabilito dall’ambiente in cui quel bambino cresce. Quando parliamo di ambiente si intende la cultura, lo spazio e la lingua con cui il bambino viene a contatto e assorbe ciò che lo circonda. 

E’ in questo modo che un bambino sviluppa caratteri diversi da un altro e che vive esperienze differenti. Il magnifico lavoro del genitore è quello di guidare questo stato mentale incosciente e creativo verso una speciale attenzione ai bisogni del bambino. Questa sensibilità interiore viene anche chiamata periodo sensitivo, perché è un bisogno temporaneo che la natura dona al bambino per completare una certa sua abilità. L’adulto ha quindi il compito di riconoscere e aiutare il bambino a sviluppare le sue esigenze interne che non sono altro che spinte interiori, bisogni primari che lo aiutano a creare se stesso.

Con questa piccola digressione sugli studi che Maria Montessori ha sviluppato nel corso della sua vita, si capisce come sia importante il concetto di “lasciare spazio” e come sia altrettanto fondamentale il compito dell’adulto genitore stabilire dentro sé schemi ben precisi per aiutare il bambino a svilupparsi da solo. Questo concetto è molto più complesso del semplice lasciar fare al bambino ciò che vuole, non ha nulla a che vedere con questo; c’è una grande preparazione interna che porta il giovane genitore a diventare una guida attenta e osservatrice, un porto sicuro in cui il bambino può testare le sue emozioni e trovare la strada per capire il funzionamento delle cose e delle sue emozioni interne. 

Il bambino piccolo attraverso la sua personale scoperta del mondo, crea dentro sé le basi per sviluppare la propria fiducia verso se stesso e nei confronti del mondo e mostrando le proprie abilità nel saper fare, svilupperà la propria autostima. Questo processo comincia fin dalla nascita e prosegue tappa dopo tappa a seconda dell’età del bambino.

E’ quindi il momento di porci una domanda fondamentale: 

E’ meglio non lasciar fare o ascoltare ciò che il bambino ci sta chiedendo?

A questo proposito, gli studi della Montessori tornano di nuovo ad aiutarci. Il bambino ha un estremo bisogno di agire, fare e ripetere perché è solo attraverso queste azioni che la sua mente si sviluppa e si costruisce. Pensate che forza immensa hanno i bambini, riescono nel giro di un anno a passare dall’essere inermi al camminare, dal nutrirsi di soli liquidi a saper masticare completamente in autonomia, da soli. Se a otto mesi gli mostriamo una pallina loro proveranno a strisciare per andare a prenderla e quando vedranno degli scalini proveranno a scalarli. I bambini hanno una forza incredibile che noi adulti non abbiamo: Sono determinati e spinti dalla voglia di esercitare le proprie capacità. Questo concetto di libera scelta, di fare da solo è spesso spezzato dalle nostre paure e sopraffatto dalle nostre emozioni. 

Questo aspetto è molto complicato da comprendere, lo so. E’ difficile lasciar da parte ciò che siamo per dar spazio ai nostri figli, sembra una frase contraddittoria ma è vero! Quante volte scegliamo noi per loro, quante volte facciamo noi per loro. Queste piccole azioni costruiscono modi di fare e modi di pensare. Pensate al momento del parco giochi, quando abbiamo paura dei gradini dello scivolo e prendiamo in braccio il nostro piccolo per paura che cada; stiamo lasciando fare o scegliamo noi per loro? Questo è solo un esempio, ma è certo che a volte il nostro gigantesco amore ci rende protettivi (ed è bellissimo)  ma a volte non ci da la possibilità di far dimostrare a nostro figlio ciò che realmente è.

Per questo il messaggio importante che dovremmo far nostro è :

segui il bambino

In ogni circostanza in cui ci troviamo seguire ciò che lui ci sta chiedendo è la risposta.

  • Ci vuole fiducia reciproca nel lasciar spazio all’altro e richiederlo quando ne abbiamo bisogno.
  • Ci vuole coraggio a lasciar da parte le paure e provare a vedere ciò che gli altri vogliono mostrarci.
  • Ci vuole tempo perché ogni bambino ha il suo ritmo che è dettato dal suo cuore e ogni ritmo è diverso e conta tempi diversi.
  • Ci vuole rispetto di credere nel fatto che nostro figlio può farcela da solo senza il nostro aiuto.
  • Ci vuole calma e gentilezza, ogni persona è diversa, ogni cuore vive la propria storia.
  • Ci vuole ascolto verso ciò che sentiamo e verso ciò che hanno da dirci gli altri.
  • Ci vuole osservazione per vedere ciò di cui l’altro ha bisogno e mostrargli come poterlo fare.
  • Ci vuole forza per sostenere e guidare i nostri sentimenti e aiutare gli altri a poterlo fare da soli.

Lasciare spazio significa lasciare ai nostri figli la libertà di sbagliare, significa rispettarli abbastanza da poter far trovare a loro la soluzione giusta, si tratta di dare la possibilità di scelta per crescere secondo il loro cuore, accompagnandoli nella conoscenza delle proprie emozioni e guidandoli verso la scoperta del loro mondo. Si tratta di autoeducazione ed è bilaterale: educa-rsi per educa-re.

” Segui il bambino, lui sa”


Spero che questo articolo possa esserti stato utile. Sarei curiosa di sapere cosa ne pensi di questo argomento. Se ti va, fammelo sapere nei commenti.  

Ah dimenticavo… Qui di seguito, ti lascio il link di alcuni miei articoli, dacci un’occhiata magari trovi qualcosa di interessante! Se sei nuovo sul Blog devi sapere che la nostra famiglia crea prodotti per attività di gioco in casa e per tutta la famiglia! Dai un’occhiata nello Shop!

Per nuove informazioni ed aggiornamenti mi trovi quotidianamente sui social Instagram e Facebook come Ledda Family Blog! Grazie a questi canali condivido la vita quotidiana, mia e di Fiore, alcune riflessioni sulla genitorialità consapevole e se non l’hai mai visto, ti invito ad ascoltare il mio podcast genitori in evoluzione!


A presto e buona giornata/serata!

Jessica

Autore:

Ledda Family Blog. Famiglia Montessori, scrittrice per passione e amante dell'educazione consapevole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...